Programma di passeggiate e camminate pre-natalizie

L’autunno è ancora la stagione ufficiale fino al 21 dicembre, ma a chi di noi non sembra già di essere nel pieno dell’inverno? La notte più lunga che ci sia è ancora abbastanza lontana, eppure.. I primi gradi sotto zero e il buio sempre più incombente danno l’impressione di esser già immersi nella stagione più fredda.

Allora: qual’è il miglior antidoto a queste giornate fredde e corte? Uscire di casa; precipitarsi fuori a prendere quei preziosi raggi di sole che nelle ore centrali della giornata brillano e scaldano, dandoci una bella sferzata di energia.

Ho così pensato a dei brevi tragitti a piedi (un’ora mezza-due al massimo) da farsi nelle colline veronesi più vicine alla città (ma non per questo meno belle e interessanti) tre volte alla settimana, attingendo come sempre al benessere che viene dal contatto con la natura.

Gli itinerari si svolgono prevalentemente su stradine sterrate o sentieri per cui è necessario indossare scarpe sportive (da ginnastica con suola robusta o pedule).

*** Programma con orario e luoghi di ritrovo ***
Lun 03/12 ore 14:00 a Quinzano (di fronte al municipio)
Mer 05/12 ore 10:00 a Marano di Valpolicella (Malga Biancari)
Ven 07/12 ore 14:00 ad Avesa (piazza).

Lun 10/12 ore 14:00 a Quinzano (di fronte al municipio)
Mer 12/12 ore 10:00 a Marano di V. (Malga Biancari)
Ven 14/12 ore 14:00 ad Avesa (piazza)
Lun 17/12 ore 14:00 a Quinzano (di fronte al municipio)
Mer 19/12 ore 10:00 a Marano di V. (Malga Biancari)

Per info o per partecipare: 375.610.42.67 (anche whatsapp).
Quote: 3 euro adulti, gratis i bambini fino a 10 anni.
Vi aspetto

Avesa, tra storia e natura

Un tempo comune, Avesa è oggi un quartiere storico di Verona; dolcemente disteso ai piedi dei primissimi rilievi lessinici, sembra sonnecchiare tranquillo al sole, regalato dalla fortunata esposizione a sud. Arrivati qui dalla città, si avverte subito la piacevole atmosfera di paese, ben diversa dalla frenesia del centro.

Dotato dei principali servizi, questo quartiere offre tanti angoli preziosi per camminare e respirare nella natura e nella quiete, ammirando ora i colori autunnali, ora le esplosioni cromatiche primaverili, tra uliveti, pareti rocciose e tanta vegetazione spontanea.

La risorgiva Lorì che tuttora sgorga in paese, tra rogge e fontane, ha sempre reso fertile questa terra, permettendo ai vari ordini religiosi già presenti nel 1200 di ottenere ottimi raccolti da orti e campi.

Il torrente permetteva di macinare cereali e olive agli otto (e forse più) mulini della valle e, più recentemente (dal secolo scorso), ai “lavandari” di fare il bucato commissionato dai vari signorotti di Verona. L’attività lavandaia, di cui si ha notizia già nel 1500, si radicò molto ad Avesa ed è tuttora testimoniata da degli splendidi lavatoi.

Lasciando il paese e prendendo una stradina che oltrepassa il “progno”, si può salire alle antiche cave del Monte Ongarine, da cui si estraeva la tipica roccia calcarea locale chiamata “pietra d’Avesa”, destinata ad usi edilizi e lapidei. Tutta la zona, fino ai vicini SIC (Sito di Importanza Comunitaria) Val Galina e Vajo Borago, è di grande importanza per le numerosissime testimonianze fossili del Paleogene, che hanno permesso studi approfonditi sulle forme di vita, sia marine sia terrestri, di quell’era.

Punto di arrivo di alcune vie di arrampicata sportiva, lo spazio antistante gli ingressi delle cave si affaccia meravigliosamente su Avesa, le Torricelle e Verona.

Anche il Monte Arzan, dall’altra parte, era oggetto di attività estrattiva, e verso la fine della seconda guerra mondiale, fu teatro di una delle pagine più eroiche della storia locale, valsa agli avesani la medaglia d’oro al valor militare.

Insomma, un sito davvero ricco di bellezza e storia, in cui la vita dell’uomo si è intrecciata ad una natura vivace.

Colognola ai Colli e la sua Val d’Illasi

Tra le valli veronesi che si protendono verso la pianura partendo dai monti della Lessinia, la Val d’Illasi è tra quelle più profondamente incise e per questo offre maggiori occasioni di ammirare gli antichi affioramenti rocciosi che l’hanno data alla luce, tra cui la dolomia principale.

Colognola ai Colli è una ridente cittadina che si apre proprio sulle colline all’imbocco di questa valle, offrendone potenti scorci, molteplici testimonianze di passaggi e stanziamenti romani, castelli ben visibili ed eloquenti testimonianze storico-architettoniche.

La Festa dei Risi e Bisi di Colognola costituisce un appuntamento imperdibile per avere un contatto diretto con tutto questo attraverso le passeggiate programmate ogni anno dalla Proloco e che l’associazione culturale Verona Autoctona ha ideato e gestito per le domeniche del 28 maggio e del 4 giugno.

Per me è stato un piacere e un’emozione accompagnare i visitatori lungo sentieri e stradine zeppi di storia, arte e natura in un paesaggio esteticamente armonioso e ricco di aspetti interessanti e diversificati.

Tra i tanti mi vengono in mente i sorprendenti tufi basaltici di Bocca Scalucce, le pregiate cultivar di pisello, vigneto e uliveto, i cedri del Libano che assieme a gelsi bianchi e neri, bagolari e tigli spuntano dentro e fuori i favolosi giardini di ville altrettanto seducenti.

Una dolce gara dura per chi vuole riempirsi gli occhi di una bellezza che tra la Val Tramigna a est e la Val di Mezzane ad ovest esplode in sinuosi gradienti di verde coronati qua e là dalle opere di artisti autoctoni.