Le magie del Rosengarten

Spiriti Liberi info Le magie del Rosengarten Catinaccio escursioni itinerari e luoghiCi sono valli alpine che svelano i propri tesori al primo sguardo, togliendo subito il fiato, ed altre che li serbano ad occhi più pazienti, in un susseguirsi di sorprese inaspettate.

La Valle di Tires, così ripida nella sua stretta incisione fluviale, dà tuttavia una sensazione di grande stabilità, con le rade e ben curate case, le fattorie, la piazzetta graziosa e ben illuminata e i moderni alberghi che la arricchiscono senza stravolgerla.

Anche qui, tutto procede con l’equilibrio apparentemente perfetto tipico delle località altoatesine.

Il silenzio profondo che si osserva in parecchie ore della giornata trasporta in un’atmosfera che sembra sospesa e che per noi, abitanti del chiasso cittadino, pare quasi irreale.

Il lago di Wuhnleger

Appena arrivati, è d’obbligo sgranchirsi le gambe con un bel giretto nei dintorni; imboccando il sentiero n. 4, nelle vicinanze della chiesa parrocchiale, si sale a San Sebastiano (un’oretta di cammino) e si arriva poco dopo al laghetto di Wuhnleger, popolato da variopinte libellule, dal quale si gode una vista stupenda e piena del mitico gruppo del Catinaccio, altrimenti detto Rosengarten (ovvero “il giardino di Re Laurino”).

Volendo si può proseguire fino al Rifugio Tschafon (1h15) e poi salire a cima Volsegg (altri 20’).

Date le condizioni meteo poco promettenti, decidiamo di rientrare; recupereremo l’indomani con una bellissima escursione al lago di Carezza.

Rosengarten Catinaccio

Il lago di Carezza

Famoso in tutto il mondo per la sua immagine davvero fiabesca, il lago di Carezza deriva il suo nome da una famiglia di piante – le Caricacee – che popolano le sue sponde ma esiste anche una leggenda che spiega l’origine del suo aspetto..

Sembra che nelle sue acque vivesse una sirenetta (nei periodi più freddi dell’anno è ancora possibile scorgerla) della quale si era innamorato uno stregone. Questi, pur di riuscire a conquistarla, chiese aiuto ad una strega, che gli suggerì di travestirsi da venditore di gioielli e di stendere un arcobaleno di brillanti dal Catinaccio al Latemar. Questo avrebbe dovuto attirarla, e così accadde: di fronte a quel meraviglioso tappeto di colori, la sirenetta sbucò fuori ma riconoscendo il mago, che aveva dimenticato di camuffarsi, si inabissò nell’acqua. Lo stregone, infuriato, strappò arcobaleno e gioielli dal cielo scaraventandoli nel lago, dove tuttora sono ben visibili…

Avvicinabile solo nei limiti dello steccato, il bel verde smeraldo del lago, con le immagini riflesse degli abeti e delle vette, incanta lo sguardo e merita di essere ammirato da tutte le angolazioni.

Arrivando alla mattina presto, possiamo goderne facendo foto completamente indisturbati, godendo lo spettacolo dei raggi di sole che via via ne cambiano i colori.

Le magie del Rosengarten CatinaccioIl Latemar

La foresta del Latemar in cui il lago è immerso merita senz’altro di essere scoperta. E’ composta perlopiù da abeti bianchi e rossi che, con il loro ampio spettro di suoni e timbri, hanno offerto per secoli il loro legno a strumenti musicali come il violino.

Nel sottopassaggio tra il parcheggio e il lago, è allestito un simpatico modo per sperimentare e udire la voce del cosidetto ”abete di risonanza”.

Un labirinto tra le rocce

Tornando al sentiero nel bosco, seguendo le indicazioni per il laghetto di mezzo (sentiero 12), raggiungiamo anche la radura di mezzo (11), avvicinandoci sempre più al massiccio del Latemar, fino a che i prati finiscono e comincia il “labirinto”: un suggestivo percorso tra le rocce, perlopiù magmatiche, che corre quasi alla base della montagna. Tra questi passaggi così suggestivi, incappiamo ad ogni passo in molte pietre diverse: geoidi, tufi basaltici, fossili di corallo, quarzi..

Era quasi inevitabile: qui ci troviamo nell’area 7 del sistema Dolomiti Unesco, caratterizzata da una grande varietà di rocce per le quali il Latemar può essere considerato un atollo fossile.

Le magie del Rosengarten Catinaccio

Discendiamo con calma ammirando ogni scorcio e lasciandoci riabbracciare dalla foresta del Latemar e dalla sua magica atmosfera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *